Menu
Carrello

Orecchini punto luce a fantasia oro bianco diamanti carati 0,43 G-VS1

Materiali Oro bianco titolo 750 - Diamanti bianchi - Diamanti verdi
Peso - Misure Totale grammi 1,4 - Diametro castone mm5
Diamanti Totale carati  0,43
Colore - Purezza G-VS1 - Bianco raro Molto buona la purezza
Diamanti verdi

Prima scelta (Colore arricchito in laboratorio)

Recesso

14 giorni spese per il rientro a carico dell'acquirente

Novità Finanziamento intero importo
Spedizione - Costi Spedizione in assicurata, gratuita in Italia consegna entro 3-5 giorni lavorativi  oppure si può ritirare presso Gioielleria Arte Orafa di Olevano Romano - Roma (Giovedì chiuso)
I prezzi sono IVA compresa. Non ci sono costi aggiuntivi
Prezzo pieno

 €.1200,00


Orecchini a fantasia in oro bianco impreziositi da diamanti verdi al centro e come a fare da cornice i diamanti bianchi. La chiusura è a paletto passante il lobo e serrato da farfallina a scatto. Tutti i gioielli di Gioielleria Arte Orafa e GioielliOro.eu vengono confezionati in elegantissimi astucci accompagnati da nostri certificati di garanzia fotografici e nominativi, a Voi spediti gratuitamente. CHIAMA ORA!
L'Oro è il metallo prezioso più conosciuto e utilizzato nella storia dell'umanità. L'Oro in natura è giallo, e viene detto oro puro titolo 1000/1000 (mille millesimi), troppo morbido da utilizzare, soprattutto per incastonare pietre preziose, infatti l'Oro che utilizziamo tutti i giorni è oro 750/1000. L'Oro è anche il metallo più malleabile conosciuto, la sua elasticità è straordinaria, basti pensare che battendo un grammo di oro si può ottenere un foglio sottilissimo di addirittura un metro quadrato. L'Oro, grazie alla sua formidabile morbidezza, è stato utilizzato da sempre per la coniazione di monete e per la realizzazione di gioielli di pregevole manifattura sia in oro giallo che in oro bianco sempre accostato con i diamanti e pietre preziose.
Il diamante è la gemma ed il minerale più duro in natura, il suo nome derivante dal greco classico (adàmas), che lo definisce invincibile, indomabile; Questa pietra fu usata nei gioielli dagli orientali già 5000 anni fa, mentre in occidente(Roma e Grecia) pur conosciuto e stimato, non lo si capiva nella dovuta misura, dato che non lo si sapeva lavorare. La prima persona a descrivere correttamente ed in maniera adeguata la durezza del diamante nei confronti degli altri minerali fu l’austriaco Friedrich Mohs (1773-1839) egli infatti sviluppò una scala di durezza composta da 10 livelli all’interno della quale il diamante raggiunge una durezza pari a 10. Per la giusta valutazione del diamante è necessario ottemperare i criteri internazionali che sono quattro: Caratura, con questo termine si definisce il peso delle pietre preziose; Purezza, la quale stabilisce la qualità interna del diamante la più elevata viene denominata IF(internamente puro) ; Colore, anche questo rappresenta indice di qualità, il più elevato e puro viene denominato D color(bianco eccezionale); Taglio, molti lo sottovalutano ma è essenziale il rispetto di questa caratteristica, è necessario che questo sia ben proporzionato.
Diamanti colorati: in natura esistono diamanti dai colori diversi dal bianco, come il rosso, verde, celeste, rarissimi da reperire e dai costi elevatissimi; gli esperti riescono a riprodurre in laboratorio lo stesso colore che viene trasmesso sui diamanti bianchi più facili da reperire e sicuramente dai costi più ragionevoli.
Diamanti celebri:1) KOH-NOOR (montagna di luce) fu menzionato nel 1304 pesava 186 carati. 2)CULINAN è il più grande diamante mai trovato pesava 3106 carati fu tagliato in 9 pietre maggiori e in 96 più piccole. 3)EXCELSIOR il secondo diamante più grande mai trovato pesava 995,2 carati.
Il titolo stabilisce la bontà d’oro puro presente per ogni grammo, è espresso in millesimi. Il titolo utilizzato in Italia è il 750/1000 che sta a significare, 750 parti su 1000 sono di oro puro e le restanti 250 sono di altri metalli nobili che l’orafo miscela secondo le sue necessità; l’oro 750 è più bello da vedere e più malleabile durante la lavorazione. L’introduzione della misurazione del titolo in millesimi è recente; la prima scala utilizzata era ventiquattresimale si esprimeva in karati (kt) un karato corrisponde ad un ventiquattresimo e quindi il 18 kt a diciotto ventiquattresimi, l’oro puro a ventiquattro ventiquattresimi.
Il carato è l’unità di misura di peso delle pietre preziose corrispondente ad un quinto di grammo. La parola Carato deriva dal greco (Keràtion) ed indica seme di carrubo che veniva usato nell’antichità una volta disseccato, per pesare i preziosi in quanto aveva omogeneità di peso.

 

Scheda tecnica Gioiello
PerDonna
Taglio PietraBrillante
Tipo di PietraDiamante
Colore OroBianco

Scrivi una recensione

Nota: Il codice HTML non viene tradotto!
Negativo Positivo
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più.